Guide alla barf

Pubblicato
Commenti 0

DIETA BARF, QUALCHE INFO GENERALE

All’interno di questa e-commerce troverete una serie di prodotti adeguati ad una alimentazione a crudo per i vostri cani e gatti, in ogni scheda prodotto troverete una approfondita presentazione e quelli che sono dei suggerimenti per cercare di riproporre nella ciotola dei nostri amici quelli che sono i valori generali di una ‘preda intera’, nell’arco questo di un medio termine. Per comprendere al meglio il perchè di questa dieta dobbiamo però tornare a pensare ai nostri cani e gatti come dei carnivori domestici. Il motivo di questa affermazione è la seguente: il cane è un carnivoro opportunista ( canis lupis familiarias ), il gatto è un carnivoro stretto , felis silvestris lybica. Parlare del cane come di un lupo ha senso fino ad un certo punto, è un pò come parlare dell’uomo come di una scimmia, e in questo caso l’unica cosa evidente è che la scimmia è molto più intelligente dell’uomo..=) però se si accoppia un cane con un lupo nasce un ibrido, se si accoppia un uomo con una scimmia?? Questo sciocco esempio serve a far notare quanto i cani siano comunque molto simili ai lupi per anatomia e necessità fisiologiche. Per i gatti affermare che sono come una tigre invece, credo, ha il suo perchè, non tanto per Confucio ma perchè effettimante la cosa è correlata. La spiegazione è nella linee evolutive. 


Il cane cosa mangia?


Tutti gli esseri viventi di questo pianeta, erbivori, granivori, carnivori etc, nessuno ad eccezione dell’uomo mangia cotto. Nessuno poi meno che mai mangia un prodotto pronto e confezionato solo perchè ha la faccia di un mio simile sopra.


Questo deve farci riflettere su quanto abbia inflenzato l’industria mangimistica la normale routine dietetica dei nostri pelosi. La classe veterinaria ha completamente delegato il settore alimentare e quello della ricerca a queste industrie. Sono più unici che rari i mastrer in alimentazione a crudo a cui possono accedere i veterinari. I veterinari studiano per 54 esami circa per laurearsi ed escono con un approfondimento generale sulla dieta a crudo del cane pari quasi a zero. Vi sembra normale che, ad esempio, tutti i cani di Italia malati di reni venga prescitto il Renal , che siano alti, bassi, grassi, magri, deperiti o meno? La stessa cosa dicasi per altri prodotti quali urinary per gli ossalati , gastronintestinal per le diarrea e via discorrendo.. per non parlare di patologie più gravi come magari la tiroide. Dove è finita la specificità di un indivuduo, se per un essere umano in base alle sue analisi viene prescritta più o meno una dose medicinale , perchè non dovrebbe essere lo stesso per i cani?


Perchè non avendo studiato specificatamente questo settore non lo sanno semplicemente fare.


Un veterinario che esce dal corso classico può saperne di alimentazione quanto un medico generico ne sa di ortopedia, o di dermatologia. Ne sanno esattamente quanto ne sapete voi o anche meno se voi vi documentate accuratamente.


Parliamo ovviamente di cani sani, cuccioli o adulti , se sono in salute possono tranquillamente mangiare le  proporzioni generiche di una dieta a crudo.


Nel ‘blog’ o in ‘guide alla barf’ potrete trovare delle specifiche alle proporzioni che riguardano il pasto del cane e del gatto.


In linea generale possiamo anticipare qui che mangiano quello che riguardano le proporzioni di una preda intera e perchè sia cosi:


I nostri animali sono predatori e mangiano prede.


La loro masticazione è solamente verticale, per afferrare addentare e strappare le membra esterne ed interno del loro pasto. A differenza nostra che essendo onnivori primati abbiamo anche una masticazione orizzontale , con molari piatti. questo perche noi premastichiamo il cibo e produciamo amilasi, quella che viene considerata una predigestione e la formazione del bolo.


I denti dei cani e dei gatti non presentano molari piatti ma solo canini ed incisivi, e non producono amilasi salivare (la ptialina).


la loro saliva e acida e viscosa per aiutarli ad ingurgitare cospicue quantita’ di cibo in un sol boccone.


la natura ha portato nel caso dei cani ad avere uno stomaco molto elastico, questo perchè nonm sapendo quandoi sarà reperibile altro cibo la loro evoluzione li ha portati ad avere grandi capicità di scorta del cibo. considerate che il loro cugino lupo riesce ad ingurgitare anche il 40% del loro corpo in dimensione pasto. Non ci deve preoccupare insomma se il cane ha sempre voglia di cibo, è nella sua natura di autoconservazione perchè istintivamente non sa se domani mangia.


I lupi, rimasti selvatici, sanno fare questa distinzione, e se ne hanno la possibilità conservano un pezzo di preda , nel caso non riescano a cacciare nei giorni successivi. Quindi la seppelliscono e all’occorrenza la recuperano in caso di magra.


I gatti sono diversi in questo, primo sono ancora selvatici e non ‘randagi’. I gatti sanno benissimo provvedere a se stessi se non ci intromettiamo. Saranno le severe le leggi della natura a stabilirne il numero , dato dalla disponibilità di risorse di un territorio dato. Se qualcuno si occupa di portargli da mangiare tutti i giorni i parametri cambiano radiucalmente. ma noi analizziamo solo quei gatti che vivono in ambito domestico.

Autore
Categorie

Commenti

Non ci sono ancora commenti a questo articolo.

Commenta

Inserisci qui il tuo commento. I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Devi prima visualizzare il tuo commento (anteprima) per poi pubblicarlo (invia).